Palmari

La scelta del palmare è subordinata, in primo luogo, alla tipologia di utilizzo. È necessario quindi chiedersi a quale uso è destinato il palmare. 

Per orientarsi nella decisione del modello da acquistare, è opportuno essere in grado di leggere le schede tecniche di ciascun prodotto in commercio per valutare il migliore rapporto qualità/prezzo in base all’impiego (con o senza telefono cellulare, fotocamera e altre funzionalità integrate; ecc.).

Per capire quali domande porsi, è vantaggioso pensare ad alcuni concetti di primaria importanza:

  • portabilità. Dimensioni, peso e forma per agevolare il trasporto e l’utilizzo in movimento e per favorire il posizionamento sulla propria postazione; 
  • prestazioni e gestibilità. Velocità nell’esecuzione di applicazioni e capacità di eseguire attività, capacità di inserimento di informazioni e di accesso ai dati in un’ampia varietà di formati (testo, grafica, video, audio, ecc.), oltre alla facilità con cui si eseguono attività di aggiornamento e manutenzione;
  • connettività, comunicazione e sicurezza. Connettività wireless integrata WiFi, Bluetooth, GPRS, GSM, IrDA? Dipende da necessità quali capacità di connettersi a periferiche, connessione a reti aziendali tramite reti WLAN (Wireless Local Area Network), sincronizzazione con personal computer, connessione a Internet mediante hot spot (punti di connessione pubblici), invio e ricezione della posta elettronica, impiego di messaggeria istantanea, funzione di telefono cellulare (con SMS e MMS), navigazione satellitare, trasferimento dati mediante infrarossi, ecc. In questi casi la salvaguardia della sicurezza rappresenta un fattore non trascurabile poiché la connettività deve essere protetta, così come si devono proteggere i dati aziendali e personali. Le misure di sicurezza sono garantite da sistemi di crittografia dei file, lettura biometrica delle impronte digitali, password per impedire l’uso non autorizzato del dispositivo che, in caso di furto o smarrimento, non è accessibile a terzi;
  • espandibilità. Facoltà di integrare le nuove tecnologie proposte dal mercato;
  • multimedialità e intrattenimento. Capacità di riproduzione di filmati, file musicali, immagini statiche o animate, fotografie, giochi, ecc.

Accertarsi di quali elementi è composto il contenuto della confezione per procurarsi per tempo gli accessori non in dotazione. 

Ogni venditore o casa costruttrice fornisce il servizio di garanzia sulle parti e un periodo di tempo variabile per l’assistenza tecnica gratuita. Di entrambe è sempre più frequente la possibilità di prolungare il lasso temporale a fronte di una spesa aggiuntiva per il servizio (anche “on site”, cioè a domicilio), da decidersi al momento dell’acquisto. Controllare dove sono dislocati i centri di assistenza (in Italia e all’estero se si viaggia di frequente). 

Non sottovalutare i requisiti di sistema del personal computer da interfacciare al palmare per la sincronizzazione dei dati. Verificare accuratamente la compatibilità con i sistemi Windows o Macintosh, il sistema operativo (SO o OS, Operative System) installato sul personal computer, la quantità di RAM richiesta, lo spazio libero su hard disk, di quali interfacce deve essere dotato il personal computer per la sincronizzazione (tipicamente è richiesta una porta USB) e se possiede l’unità CD-ROM per l’installazione del software del palmare. 

Cos’è un palmare

La denominazione del computer palmare, più comunemente detto palmare, deriva dall’inglese palmtop, abbreviato anche in palm; è inoltre conosciuto attraverso l’acronimo PDA, ovvero Personal Digital Assistant, in italiano “assistente personale digitale”. Come suggerisce il nome, si può pensare al palmare come a un dispositivo che semplifica l’organizzazione del lavoro (e non solo, come vedremo!) e la gestione del tempo.

Il palmare è essenzialmente un computer portabile sul palmo della mano che consente di disporre tutto ciò che è presente sulla postazione di lavoro (ufficio, casa, scuola) in un dispositivo di dimensioni e peso assai ridotti.

Le sue caratteristiche principali sono classificabili mediante aree funzionali principali.

  • Organizzazione delle attività personali o PIM, Person Information Manager (calendario; lista delle attività e degli appuntamenti; rubrica dei contatti; schedario; note testuali con possibilità di riconoscimento della scrittura manuale; appunti vocali con possibilità di integrare la tecnologia di riconoscimento vocale; calcolatrice; orologio e sveglia; ecc.)
  • Funzioni di personal computer (programmi quali videoscrittura, fogli di calcolo, data base, presentazioni, ecc.)
  • Funzioni multimediali e intrattenimento (visualizzatore di filmati; lettore musicale di MP3; album di immagini, statiche o animate; fotocamera digitale e videocamera digitale integrate; giochi; lettore di e-book; ecc.)
  • Servizi di telecomunicazione tradizionali (telefono; fax)
  • Servizi Internet, WAP, GPRS, EDGE, UMTS (navigazione nel Web; e-mail; programmi di messaggeria istantanea; Web TV; Web radio; fruizione della musica on line; invio e ricezione di SMS e MMS; suonerie polifoniche e loghi; supporto JAVA; giochi on line; chat; videochiamate; ecc.)
  • Software per GPS (navigatore satellitare; mappe satellitari interattive)
  • Connettività wireless WiFi, Bluetooth o IrDA con dispositivi di vario tipo (personal computer Windows OS o Mac OS; periferiche hardware; cellulari; ecc.)

Il palmare è dotato di un display sensibile al tocco (Touch Screen) dello stilo o delle dita che funziona da monitor, da interfaccia fisica per la gestione del software e da strumento di scrittura grazie all’uso dell’apposito stilo. 

La navigazione è facilitata dal navigatore o joystick, un pulsante che incorpora tasti direzionali e di conferma delle operazioni. Non mancano piccoli tasti programmabili, frontali e laterali, che aprono le applicazioni o inizializzano determinate funzionalità. In genere il palmare integra microfono per la registrazione, altoparlante/i e ingresso cuffia.

Alcuni modelli possiedono la tastiera integrata come opzione di scrittura aggiuntiva allo stilo. 

Costo di un palmare

I prezzi sono classificabili in quattro principali fasce. Si parte dalla fascia consumer, quella minima (circa 200 €) e, passando per la fascia media (350/600 €) e alta (600/800 €), si arriva alla gamma top (oltre 800 €). 

Un altro criterio per la scelta è quello di suddividere i prezzi dei dispositivi in segmenti di 100 € di differenza l’uno dall’altro. Di certo il costo del palmare varia al mutare delle funzionalità incluse. I dispositivi di fascia consumer sono quelli che comprendono le funzionalità basiche, non particolarmente elaborate, che fanno somigliare il palmare a un’agenda elettronica. Esiste una vasta scala di funzionalità che inevitabilmente incrementano i costi (GPRS, GPS, fotocamera digitale integrata, ecc.).

Occorre anche ponderare i costi degli accessori e del materiale consumabile perché si possa essere certi di potere affrontare eventuali spese per l’ampliamento delle funzionalità e dell’hardware aggiuntivo.

Principali caratteristiche tecniche

Sistema operativo

I sistemi operativi più diffusi sono:

  • Pocket PC (altresì detto Windows Mobile; adottato, tra gli altri, da Dell, HP, Toshiba, ecc.)
  • PalmOS (adottato, tra gli altri, da PalmOne e Sony)

A differenza di PalmOS, estremamente intuitivo e facile da usare, Pocket PC predilige l’esperienza multimediale evoluta, per questo motivo il display possiede caratteristiche più avanzate; inoltre il sistema è compatibile con i principali programmi di Microsoft Office.

Altri sistemi operativi sono:

  • GNU Linux (adottato da Sharp nella gamma Zaurus)
  • BlackBerry (adottato da Research In Motion)
  • Symbian OS (ossia EPOC) 

Software incluso

Si intende il software preinstallato nel dispositivo all’atto dell’acquisto. Il sistema operativo comprende svariate applicazioni e utilities (calendario, rubrica, attività, appunti, programma di videoscrittura e fogli di calcolo, browser per la navigazione in Internet, programma di gestione della posta elettronica, ecc.); in aggiunta la casa produttrice inserisce applicazioni proprietarie. 

Laddove sia necessario del software aggiuntivo, esistono molti siti Web che elencano applicativi da scaricare, shareware (occorre pagare i diritti per l’utilizzo del software dopo il termine del periodo di prova), freeware (il software è gratuito) e in versione demo (si può testare e valutare il software prima di acquistarlo), ordinati per tipologia e tematiche di utilizzo. 

Processore 

Il processore è il circuito logico che processa ed elabora le istruzioni ricevute sia dal sistema operativo che dalle applicazioni software.

La potenza del processore è variabile e dipende dall’utilizzo che si fa del palmare. Un numero minore di MHz è sufficiente per chi intende avvalersi soprattutto delle attività di base fornite da un palmare, ovvero quelle di agenda elettronica (PIM), mentre per fruire al meglio del potenziale multimediale e di intrattenimento, nonché dei servizi Internet, WAP, GPS, GPRS, EDGE, UMTS, si deve optare per un modello che abbia una potenza superiore, quindi un maggior numero di MHz.

Memoria

La memoria (sempre espressa in megabyte), pur essendo un elemento importante da considerare all’atto dell’acquisto, è espandibile attraverso memory card (vd. memoria aggiuntiva). 

Nelle schede tecniche dei prodotti è indicata la quantità complessiva di memoria in dotazione (es. 128 MB di memoria totale) e la quantità di memoria ROM e RAM (es. 64 MB di ROM e 64 MB di RAM):

  • ROM (Read Only Memory), memoria di sola lettura non volatile poiché i dati non vengono cancellati allo spegnimento del dispositivo. Presente internamente al dispositivo, contiene il sistema operativo e le applicazioni;
  • RAM (Random Access Memory), parte di memoria dedicata all’esecuzione dei programmi, già inclusa nel dispositivo. I dati di accesso in scrittura per memorizzare le informazioni e quelli di accesso in lettura per recuperare le stesse vengono cancellati con l’esaurimento delle batteria del dispositivo. Spesso è riportato l’acronimo SDRAM (Synchronous DRAM), che indica la nuova generazione della tecnologia DRAM (Dynamic RAM), che non designa altro che il tipo di RAM montata nel dispositivo.  

Display

La superficie del display ricopre la maggior parte dell’area frontale del palmare. È importante fare attenzione a scegliere una tipologia di display che riesca a fare fronte alle aspettative nel caso in cui si richiedano buone prestazioni grafiche (principalmente per funzioni multimediali, intrattenimento, navigazione satellitare).

I tre parametri essenziali da prediligere per la valutazione del display sono:

  • dimensioni. Misurate ed espresse in pollici, vanno da poco più di 2” a poco più di 4”; lo standard si aggira intorno ai 3,5”;
  • risoluzione. Misurata ed espressa in pixel, è designata da numero di pixel orizzontali x numero di pixel verticali. L’alta risoluzione favorisce una maggiore definizione di grafica e testo, con conseguente aumento del costo del palmare e diminuzione dell’autonomia energetica e del ciclo di vita della batteria. La risoluzione 160×160 appartiene ormai ai palmari di vecchia generazione. Il formato più diffuso è 240×320, passando per modelli che forniscono 320×320 e 320×480; i modelli più attuali arrivano a 480×640;
  • colori. Ovvero il numero di colori distinti che il display permette di visualizzare. I modelli con display in bianco e nero, anche detto monocromatico (16 o 256 toni di grigio), rappresentano quelli più economici e la cui batteria è in assoluto la più longeva. Il trend di mercato predilige i modelli con display a colori, espressi attraverso il numero di bit digitali (canali del rosso, del verde e del blu) o il numero di colori. Pertanto 8 bit = 256 colori, 12 bit = 4.096 colori e 16 bit = 65.536 colori o, come comunemente si legge, 65.000. Quest’ultimo valore esalta al meglio l’esperienza multimediale.

Il display ottimale è LCD (Liquid Crystal Display), cioè a cristalli liquidi, a matrice attiva (TFT, Thin Film Transistor), ormai presente in tutti i palmari di recente produzione. Il display LCD ha un angolo di visualizzazione limitato, mentre il display LCD TFT ha un angolo di visualizzazione molto ampio. 

L’acronimo QVGA (Quarter VGA), di frequente incluso nelle caratteristiche tecniche, corrisponde al display con risoluzione 240×320, mentre VGA (Video Graphics Array) denota la risoluzione 480×640.

L’aggettivo transriflettente (spesso non tradotto dall’inglese transflective) si riferisce al display LCD e unisce le migliori proprietà dei componenti ottici trasmissivi e riflettivi utilizzando retroilluminazione LED che fornisce luminosità e colori ideali sia in ambienti con scarsa o media luminosità (es. ufficio) che in ambienti con molta luminosità o sotto la luce diretta del sole. 

Porte

È  necessario disambiguare la terminologia, spesso imperfetta.

Esistono vere e proprie porte fisiche che consentono il collegamento di una periferica hardware e slot di espansione (di seguito). Sono porte la seriale, l’USB e l’IrDA. Tutte permettono il trasferimento di dati dal palmare a un altro dispositivo o viceversa. WiFi e Bluetooth, che non di rado sono associati a “porta”, sono invece due tecnologie di accesso a vari tipi di dispositivi (vd. Connettività wireless). 

Slot di espansione e scheda di espansione

Lo slot di espansione è rappresentato dallo spazio in cui è possibile inserire schede di memoria (vd. memoria) o altre periferiche aggiuntive. Un solo slot di espansione non è sufficiente per chi adopera costantemente una scheda di memoria e una periferica di altro tipo (es. GPS non integrato nel dispositivo), pertanto è necessario optare per un palmare provvisto di almeno due slot. La soluzione migliore è quella dell’adozione di periferiche Bluetooth cosicché anche un solo slot, in cui si può pensare di inserire una scheda di memoria, va bene. In questo modo si eviterà anche di necessitare di un jacket o backpack che supporti periferiche ingombranti (es. GPS esterno). 

La scheda di espansione è un supporto hardware di dimensioni ridotte, essendo poco più grande di un francobollo, che consente di ampliare la capacità di immagazzinamento dei dati senza saturare la capacità di memoria interna del palmare o di collegare periferiche I/O (input/output). 

Gli slot di espansione sono caratterizzati da sigle che si riferiscono anche al tipo di scheda di espansione supportata, tra cui SD (Secure Digital) e MMC (MultiMedia Card), le loro versioni miniaturizzate Mini SD (mini Secure Digital) e RS MMC (Reduced Size MultiMedia Card), tutte di dimensioni notevolmente inferiori rispetto alle CF (Compact Flash) e alle MS (Memory Stick).

L’acronimo SDIO (Secure Digital Input/Output), molto ricorrente, designa lo standard di memoria che si basa sullo slot Secure Digital, è compatibile con le memory card SD e consiste in periferiche esterne con un elevato transfer rate e un basso consumo di energia, ideali per l’uso con dispositivi elettronici mobili. 

Connettività wireless

La connettività wireless permette al palmare di comunicare con altri dispositivi a distanza senza ricorrere ad alcun tipo di cavo. Gli standard per la trasmissione di informazioni e la comunicazione wireless sono:

  • WiFi (Wireless Fidelity). Tecnologia di accesso a Internet per utilizzare tutte le funzioni del Web e della posta elettronica o a una rete LAN (Local Area Network) attraverso l’impiego della radiofrequenza (RF) grazie al protocollo IEEE 802.11b, con banda a 11 Mbps,  la cui nuova versione, con banda a 54 Mbps, è rappresentata dal protocollo IEEE 802.11g. La tecnologia WiFi è particolarmente indicata per l’utilizzo del palmare al di fuori del proprio ambiente di lavoro (altri uffici, scuole e università, ospedali, alberghi, bar e ristoranti, stazioni, aeroporti, ecc.) laddove la distanza al dispositivo di connessione sia distante oltre 10 metri. Nella fattispecie, la connessione alla Rete è possibile grazie agli hot spot, punti di accesso pubblici forniti dagli operatori delle telecomunicazioni;
  • Bluetooth. Tecnologia che consente la connessione ad altri dispositivi basata sulla radiofrequenza a basso consumo e a corto raggio (poco più di 10 metri). Il suo impiego è applicabile in hot spot di tipo privato (casa, ufficio) e verso dispositivi quali personal computer, cuffie, auricolari e molti altri dispositivi elettronici. Attraverso un cellulare dotato di connettività Bluetooth è possibile navigare in Internet con il palmare;
  • IrDA (Infrared Data Association). Tecnologia che permette il trasferimento di dati via infrarossi; a differenza delle precedenti, richiede la traiettoria ottica diretta per la comunicazione dei dispositivi.

Le tecnologie senza fili WiFi e Bluetooth sono complementari e in alcuni palmari sono entrambe integrate, includendo spesso anche l’IrDA. Se non presenti, ciascun metodo di connettività elencato è fruibile anche mediante l’acquisto di un’apposita scheda da inserire nello slot del palmare.

Batteria e alimentazione

La batteria, solitamente rimovibile, ricaricabile e agli ioni di litio (Li-Ion), è sempre inclusa nella confezione, tuttavia in alcuni casi si rende necessario l’acquisto di una seconda batteria per evitare l’inutilizzo del dispositivo (e la conseguente perdita di dati!) se non si dispone della possibilità di collegarlo a una presa di corrente con l’apposito adattatore CA o, al limite, a una base USB con slot per il caricamento (verificare se sono entrambi in dotazione).

La capacità di accumulare energia di una batteria è misurata ed espressa in mAh (milliampère per ora): naturalmente una potenza nominale più grande equivale a una maggiore capacità di accumulamento di energia. 

La potenza nominale indica il tempo di durata della carica della batteria in modalità stand-by. La durata (nominale) della batteria muta al variare di alcuni fattori, tra cui:

  • potenza del processore
  • risoluzione e numero di colori del display
  • tipologia di utilizzo (quantità di applicazioni attive, visualizzazione di filmati, ascolto di MP3, telefono, navigazione nel Web, ecc.)
  • integrazione del telefono cellulare GPRS
  • GPS

Per espletare principalmente le funzioni di agenda elettronica è sufficiente una batteria con una durata di 12/24 ore, autonomia che va necessariamente prolungata per un utilizzo che preveda altre funzionalità. A ogni modo è utile personalizzare le impostazioni di risparmio energetico (es. intensità luminosa di retroilluminazione, spegnimento del dispositivo, se inutilizzato, dopo un lasso di tempo determinato dall’utente, ecc.) e conoscere il tempo di ricarica della batteria. 

Da non sottovalutare il ciclo di vita della batteria. Le batterie dei palmari più economici e con display monocromatico sono quelle che godono di maggiore durata poiché non consumano molte risorse energetiche; le batterie dei dispositivi a colori, invece, devono essere ricaricate con maggiore frequenza, pertanto dopo circa 500 ricariche inizierà a notarsi una riduzione dell’autonomia energetica che diventerà sempre più rilevante. 

I parametri di alimentazione sono quelli di qualsiasi elettrodomestico, quindi sono specificati alimentazione, tensione di ingresso e di uscita dell’adattatore CA (corrente alternata o AC, Alternating Current). 

Dimensioni e peso

Questi due fattori sono determinanti per chi prevede di utilizzare il palmare essenzialmente in casa/ufficio o in viaggio. La portabilità è una delle prime caratteristiche da valutare se si è spesso in trasferta: esistono dispositivi che non superano i 150 grammi di peso e che offrono altissime prestazioni. 

Le dimensioni ridotte sono una caratteristica assai apprezzabile per chi viaggia con il palmare in tasca o nella ventiquattrore, ma anche in questo caso alcuni optano per un dispositivo poco meno maneggevole, soprattutto per avere un display più grande e performante. 

Sistema audio

Se supportato, cosa sempre più frequente nei nuovi modelli, il palmare ha altoparlanti e registratore (molto utile per memorizzare appunti vocali) integrati. L’audio rappresenta uno degli elementi principali per esaltare l’esperienza multimediale attraverso il palmare (filmati, musica, giochi, ecc.). 

Fotocamera

Alcuni palmari hanno la fotocamera digitale integrata per fare fotografie, salvarle, modificarle, spedirle mediante MMS o e-mail; aggiuntivamente possono comprendere zoom digitale e flash. Solitamente la risoluzione delle immagini si aggira attorno a 1/1,3 megapixel.

Le risoluzioni più comuni sono XGA (eXtended Graphics Array), standard grafico che usa una risoluzione di 1024×768 pixel, e SXGA (Super eXtended Graphics Array), standard grafico che usa una risoluzione di 1280×1024 pixel. 

Alcune fotocamere permettono di riprendere video digitali, inclusivi di audio, di breve durata. 

Accessori per palmare

Questa sezione è dedicata ai principali accessori per palmare generalmente non in dotazione nella confezione. 

Batteria aggiuntiva

L’utilità di avere una (o più) batteria aggiuntiva diviene necessità se il palmare è adoperato fuori casa/ufficio con una certa frequenza. In tal caso è bene optare per una batteria rimovibile che garantisca una buona autonomia (batteria agli ioni di litio con un alto valore di mAh), meglio se oltre i 2.000 mAh. 

La ricarica della batteria si effettua mediante i seguenti strumenti:

  • base (o cradle), che spesso possiede una nicchia aggiuntiva per provvedere alla ricarica della batteria aggiuntiva (con porta USB); 
  • caricabatteria da viaggio (cavo di alimentazione con adattatore di alimentazione); 
  • caricabatteria da auto (con adattatore per l’accendisigari). 

Per ulteriori informazioni sulla scelta della batteria si veda Batteria e alimentazione. 

Non mancano kit custoditi in pratiche ed eleganti custodie contenenti tutti gli accessori indispensabili alle operazioni di ricarica in trasferta, né alternative, quale la soluzione che sfrutta le fonti di luce (specialmente quella solare) per la ricarica della batteria. 

Memoria aggiuntiva (memory card)

L’espansione di memoria avviene tramite memory card da  inserire in uno slot di espansione. La scheda di memoria aggiuntiva serve essenzialmente a tre scopi:

  • memorizzare e trasportare dati (documenti in formato elettronico, presentazioni, filmati, MP3, immagini, e-book, ecc.), accessibili con velocità, memorizzabili e trasferibili anche attraverso qualsiasi personal computer dotato di lettore di scheda di memoria;
  • eseguire il backup del software e il ripristino dei dati contenuti sul palmare;
  • fare accedere ad applicazioni che richiedono grande capacità di memorizzazione (software di vario tipo; atlanti, stradari, guide turistiche; dizionari multilingue o specializzati; ecc.).

È bene non sottovalutare un’altra potenzialità: una memory card di qualche GB può fungere da hard disk rimovibile su cui fare anche il backup del disco fisso del proprio personal computer (grazie a un lettore di memory card in vendita a pochi euro), la cui maggior parte dei dati può essere letta dal palmare.

Gli standard di memoria più comuni sono SD (Secure Digital), CF (Compact Flash) e MMC (MultiMedia Card); alcuni produttori utilizzano uno standard proprietario (es. Memory Stick di Sony).

La memoria aggiuntiva, disponibile in vari formati di capienza (fino ad alcuni GB), si rende necessaria laddove non si utilizzi il palmare solo per le funzioni di agenda elettronica poiché qualsiasi file caricato (documenti di vario tipo, filmati, MP3, ecc.) possa essere memorizzato senza saturare la memoria di base, che generalmente va da 16 MB a 256 MB.

Periferiche

Le periferiche per espandere le funzionalità dei palmari sono numerose e le loro finalità sono tra le più disparate. Naturalmente bisogna verificare quali periferiche è in grado di supportare un determinato modello, a ogni modo basti sapere che esistono periferiche per visualizzare i canali televisivi, ascoltare la radio, monitorare in tempo reale un veicolo o una persona potendo acquisire precise informazioni circa la loro posizione grazie alla tecnologia GPS, integrare fotocamera digitale, mini video camera e webcam e tanto altro.

GPS (navigatore satellitare)

Non sono molti i palmari ad avere il GPS incorporato, che si può usare in automobile o a piedi, ma il problema è facilmente superabile grazie al kit di navigazione satellitare (sono sempre più frequenti le offerte bundle di palmare e scheda GPS). 

Chi utilizza quotidianamente il GPS può comunque valutare la possibilità di acquistarne una soluzione GPS dedicata per ridurre l’ingombro che comporta l’inserimento della scheda GPS in uno slot di espansione, riducendo drasticamente la portabilità del palmare. 

Cavetteria e basi

In vendita si trova qualsiasi tipo di cavo e base, anche universale. Il vantaggio di acquistare “doppioni” è di non doverli trasportare a due postazioni differenti (es. casa e ufficio). A questo proposito, è consigliabile avere due docking station, supporti che offrono la possibilità di sincronizzare i dati con un personal computer (mediante USB o seriale) e contemporaneamente di ricaricare la batteria inserita nel palmare.

Strumenti di scrittura: stilo e tastiera

Lo stilo (o penna stilo) è il dispositivo di puntamento contenuto nell’opportuno piccolo vano sul lato del palmare e fornito nella confezione. In commercio esistono kit di stilo di ricambio in caso di usura o smarrimento e stilo con funzionalità particolari (es. stilo con puntatore laser e LED illuminazione lettura; stilo con diversi colori di scrittura; ecc.).

Se non già integrata al palmare, l’alternativa allo stilo è la tastiera, dispositivo esterno, ergonomico e leggero, per digitare in maniera comoda e veloce ed evitare l’uso dello stilo in modalità tastiera virtuale digitale, riconoscitore elaborato o riconoscitore naturale. Ne esistono di due tipi:

  • adattabile al case del palmare;
  • pieghevole (wireless o Bluetooth). Sebbene sia di dimensioni più grandi della precedente, è consigliata a chi scrive molto con il palmare. 

Auricolari

I palmari con funzioni di telefonia sono forniti con auricolari. La soluzione ottimale è l’acquisto dell’auricolare o del kit viva voce Bluetooth per evitare qualsiasi tipo di cavo e avere le mani libere in qualsiasi momento, anche durante la guida dell’auto. Se il software del palmare lo supporta, si possono impartire ordini al dispositivo grazie al sistema di comando vocale.

Cuffie 

Le cuffie esaltano l’ascolto di file audio (MP3, filmati e presentazioni con audio, ecc. Perseguendo la logica wireless, le più versatili sono quelle che supportano la tecnologia Bluetooth e WiFi.

Protezione per display

Il sistema Touch Screen, che permette l’utilizzo del display come strumento di selezione (toccare con lo stilo  la superficie del display in un certo punto equivale a cliccare una parte dello schermo del computer con il mouse), comporta l’usura della superficie del display. Per evitarlo è preferibile munirsi di apposite protezioni, cioè di kit di pellicole trasparenti aderenti al display. 

Custodie

Custodie rigide o morbide che differiscono per materiali (pelle, similpelle, nylon; anche alluminio), livello di protezione (da quelle morbide e antigraffio in silicone a quelle antiurto, rinforzate per lavorare in condizioni ambientali particolarmente avverse, o impermeabilizzate), funzionalità (a tasca o con apertura a libro e con scompartimenti per penna, fogli per appunti, biglietti da visita, memory card, ecc.) e design. 

Per non impegnare posto in tasca o nella ventiquattrore, sono state create custodie da agganciare alla cintura dell’abito.